Verbale riunione Commissione Scuola Comunità del 13 dicembre

News » Verbale riunione Commissione Scuola Comunità del 13 dicembre

di renata pironirenata pironi 27 Dec 2012 15:11

Riunione del 13 dicembre 2012
Prima di affrontare l’ordine del giorno (sensibilizzazione e formazione su “giochi pericolosi”, linee guida per l’applicazione delle sanzioni e progetto sportello psicologico), durante questo incontro si è iniziato a ragionare sulle modalità di lavoro. Tutti i temi affrontati dalla Commissione vengono, contestualmente e/o in seguito, rielaborati, condivisi e approvati da altre componenti scolastiche (ad es. coordinatori di classe, collegio dei docenti ecc.), ci si è quindi interrogati su quali siano i limiti, gli ambiti della Commissione in modo da risultare più efficaci ed ottimizzare il poco tempo a disposizione.
Relativamente alla questione “giochi pericolosi” si è deciso di aspettare le serate (17 e 31 gennaio prossimi) del progetto con la ASL: due genitori di scuola hanno incontrato i responsabili portando proprio ad esempio l’accaduto a scuola e quindi si è convenuto che l’attenzione (originariamente su devianze, dipendenze, uso sostanze) sarà concentrata sugli stimoli digitali nella formazione mentale e sugli stimoli all’alterazione. Gli incontri sono rivolti a genitori ed insegnanti. I docenti ci hanno resi coscienti del fatto che, inserire qualsiasi intervento supplementare nelle classi, comporterebbe un notevole sforzo organizzativo con inevitabili ulteriori ritardi e fatali ricadute sulla didattica. Meglio quindi sfruttare i percorsi/progetti già esistenti (ad es. progetto accoglienza o progetto educazione sentimentale) nei quali riversare le informazioni, gli strumenti che queste serate potranno fornirci, in questo modo si otterrebbe anche un’azione non ristretta all’ambito medico/fisico ma estesa agli aspetti relazionali, emozionali e al grosso tema della “sfida”.
Relativamente alle sanzioni, si è iniziato ad evidenziare alcune delle criticità (turn over docenti, grandi cambiamenti nella popolazione studentesca in questa fascia d’età, organizzazione, efficacia ecc.) che spingono alla necessità di aggiornare gli strumenti e uniformarne l’applicazione. Si è preso d’altronde atto della crescente difficoltà degli insegnanti a gestire le classi a causa di un’aumentata impermeabilità dei ragazzi ad accogliere i consigli e i richiami. Ciò può portare a volte i docenti a prendere provvedimenti indotti dall’esasperazione, che è l’evidente manifestazione dell’avvenuta lacerazione pedagogica tra l’adulto e il preadolescente.
Di fronte all’incalzare di situazioni problematiche, i docenti concordano con la richiesta di attivazione dello sportello psicologico finalizzato non solo ad aprire la consulenza su casi difficili ma a fornire indicazioni su come affrontare la problematicità delle dinamiche interpersonali all’interno del gruppo classe. Essendo rimasto davvero poco tempo per approfondire l’argomento sportello psicologico a scuola, si è richiesto ai docenti che gli stessi forniscano al genitore che si è reso disponibile per la stesura di un progetto, il materiale a loro disposizione relativo al preesistente sportello, nonché i loro commenti, le loro richieste, la loro visione in proposito.
Essendo i docenti impegnati a gennaio con gli scrutini, la prossima riunione della Commissione è fissata per il 12 febbraio.

Discuss

Scrivi un commento

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License