Certificazioni DSA: importanti novità dalla Regione all'Ordine degli Psicologi

News » Certificazioni DSA: importanti novità dalla Regione all'Ordine degli Psicologi

di Paola grifoPaola grifo 06 Dec 2011 21:30

La Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia ha comunicato l'attivazione di un Gruppo di Approfondimento Tecnico (GAT) regionale relativo alla Certificazione di Disturbo Specifico dell'Apprendimento - DSA.

I soggetti invitati sono:

Ordine degli Psicologi della Lombardia
Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza – sezione Lombarda
Coordinamento Referenti di NPIA Regione Lombardia

Associazione Italiana Dislessia – Regione Lombardia

Associazione Italiana per la Ricerca e l’Intervento nella Psicopatologia dell’Apprendimento – sezione Lombarda

Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, referente dislessia

Associazione Italiana Logopedisti – sezione Lombarda

C'è da sperare che il Gruppo di Approfondimento Tecnico possa chiarire alcune delle  citicità, di seguito riportate, connesse all'applicazione della Legge 8 ottobre 2010 n. 170, recante “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico“, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 244 del 18 ottobre 2010.

La citata legge introduce numerose novità relative alla valutazione dei Disturbi Specifici di Apprendimento. In particolare, l’art. 3, comma I, prevede che 

“La diagnosi dei DSA e' effettuata nell'ambito dei trattamenti specialistici già assicurati dal Servizio sanitario nazionale a legislazione vigente ed e' comunicata dalla famiglia alla scuola di appartenenza dello studente. Le regioni nel cui territorio non sia possibile effettuare la diagnosi nell'ambito dei trattamenti specialistici erogati dal Servizio sanitario nazionale possono prevedere, nei limiti delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, che la medesima diagnosi sia effettuata da specialisti o strutture accreditate”.

In questi mesi l'Ordine degli Psicologi della Lombardia ha più volte chiesto alla Regione Lombardia chiarimenti in merito alle disposizioni attuative della legge, in particolare per quanto riguarda la possibilità per i liberi professionisti di effettuare la valutazione dei disturbi specifici di apprendimento e di rilasciare la relativa certificazione.

Con la pubblicazione della circolare del 05/07/2011, Prot. N. H12011.0020307 la Regione Lombardia ha emanato le disposizioni attuative della legge, che stabiliscono che:

"la diagnosi di DSA può essere effettuata:

- dalle UONPIA delle strutture pubbliche e private accreditate;

- in alternativa da operatori di altre strutture specialistiche che abbiano in carico gli utenti.

In entrambi i casi essa deve avvenire secondo i criteri previsti dalle Linee di Indirizzo regionali per la NPIA (DGR 6860/2008) e dalla Consensus Conference nazionale per i DSA del 2007.

Per la diagnosi di disturbo specifico dell'apprendimento sono quindi necessari:

- la presenza di un'equipe multiprofessionale con competenze specifiche, che includa il neuropsichiatra infantile, lo psicologo e il terapista del linguaggio;

- l'utilizzo per la valutazione della testistica validata e standardizzata indicata dalla Consensus Conferenze, esplorando le necessarie componenti cognitive, psicologiche, neurologiche, sensoriali e neuropsicologiche.

Durante la Giornata di Studio sul tema organizzata da AIRIPA Lombardia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in data 7 ottobre 2011 è emerso che:

Le diagnosi rilasciate da strutture private sono riconosciute egualmente valide rispetto a quelle di servizi pubblici, e non è dunque necessaria alcuna procedura di verifica da parte delle UONPIA su diagnosi di privati;
non sono previste procedure di accreditamento delle strutture o dei singoli professionisti, bensì potrebbero essere effettuati controlli a campione sulle diagnosi emesse, per verificarne la conformità rispetto alle indicazioni della Consensus Conference del 2007 e al documento del PARCC (Panel di Aggiornamento e Revisione della Consensus Conference) del 2011;
si sta valutando l’opportunità di introdurre una modulistica apposita e predefinita per le certificazioni di DSA, che fornisca tutti gli elementi necessari anche alla definizione dei percorsi didattici personalizzati;
la necessità della partecipazione delle tre figure professionali al momento diagnostico non è assoluta e va meglio definita nelle condizioni e nelle modalità.

Alla luce di quanto esposto, l'Ordine Lombardo degli Psicologi proporrà al Gruppo di Approfondimento Tecnico regionale alcune richieste di chiarimento:

1. quale delle tre figure professionali dell'equipe sia autorizzata a formulare la diagnosi. A tal proposito si sottolinea che lo psicologo ai sensi della L.56/89 è competente a effettuare diagnosi psicologica in piena autonomia. Si condivide  l'indicazione della multidisciplinarietà e dell'integrazione dei vari interventi, fondamentale nel percorso di presa in carico nel suo complesso, non necessariamente nella fase diagnostica che può essere svolta dal professionista psicologo, che sa avvalersi ove necessario della collaborazione di altri professionisti;

2. quali siano le procedure e le modalità operative da seguire nel processo di valutazione ai fini di produrre una certificazione ritenuta valida dai Dirigenti scolastici;

3. in che modo si intendano facilitare le famiglie nell'accesso alla valutazione, oneroso da diversi punti di vista (cognitivo, emotivo, sociale e economico).

La Commissione Dislessia continuerà a tenere i genitori informati sulle novità in proposito.

Discuss

Scrivi un commento

dsa
Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License