Verbale Commissione Scuola Comunità 30 aprile 2013

News » Verbale Commissione Scuola Comunità 30 aprile 2013

di renata pironirenata pironi 13 May 2013 20:34

Docenti presenti: Annalisa Callegaro, Michele Crudo, Maria Matera, Simonetta Muzio, Maria Concetta Vono.
Genitori presenti: Maria Stella Picardi, Gloria Vaccari, Elisabetta Robbiano.
All'incontro ha partecipato la dr.ssa Turuani dell'Istituto di analisi dei codici affettivi "Minotauro"

Odg: Proposta sportello psicologico

La dott.ssa Turuani espone la sua proposta per lo sportello psicologico, che potrà essere realizzato il prossimo a.s. Si tratta di un progetto on line di cui, a detta della dottoressa, in Italia si hanno pochi esempi, e che potrebbe quindi essere un ambito di ricerca nuovo e interessante, anche in relazione alla sperimentazione sulla piattaforma nella nostra scuola.
Questo ovvierebbe al fatto che un intervento psicologico di persona su ragazzi dell’età di Rinascita non sarebbe pensabile, e aprirebbe la possibilità di utilizzo anche ai genitori, oltre che agli insegnanti, secondo modalità da costruire.
Il progetto prevedrebbe la presenza di un “consulente” (la dott.ssa Turuani), che manterrebbe il contatto diretto con la scuola, e di alcuni moderatori, per cui sarebbe necessario trovare un finanziamento, da reperirsi tramite la legge 285, i genitori, o alcuni privati, come ad esempio la Cariplo (fuori bando). Durante la riunione, viene menzionata a tal proposito un’agenzia informatica (Buongiorno).
Gli assi di sviluppo del progetto devono rispondere alle domande: cosa può servire alla scuola? Cosa c’è già? Cosa si può proporre alle diverse utenze? (ad es., è meglio far partecipare gli insegnanti di persona o far loro monitorare il passaggio cartaceo- on line?) Cosa pensano i ragazzi e i genitori delle nuove modalità di apprendimento? Come vivono gli insegnanti questo tipo di cambiamento?
La dottoressa espone a questo proposito lo strumento tipico di ricerca del Minotauro, ovvero l’analisi della cultura, la ricerca per l’intervento. Ciò si potrebbe realizzare con dei focus-group e delle interviste a inizio anno e metà anno, estendendo il progetto a due anni, per farlo coincidere con la durata del progetto di sperimentazione della nostra scuola.
Lo sportello per gli insegnanti potrebbe realizzarsi tramite un’osservazione diretta degli insegnanti in classe. Per gli studenti invece si potrebbe realizzare una sorta di “mini facebook” per prepararli all’accesso nell’ambiente.
Si fa presente che esistono già dei portali della scuola in rete che si potrebbero migliorare (wikischool, sito dei genitori).
Secondo la dottoressa, la versione on line garantirebbe più protezione e più partecipazione, anche se si può comunque correre il rischio che a scrivere siano sempre le stesse persone. La dottoressa apre la possibilità all’edizione di pubblicazioni su questo tipo di progetto, e ipotizza anche un’eventuale sezione per tablet.
Continua poi osservando come sia necessario un cambiamento profondo della scuola per venire incontro ai nuovi fenomeni di ritiro scolastico dovuti all’incapacità dei giovani di stare a scuola, all’isolamento e al ripiegarsi esclusivo sulle nuove tecnologie, alla fortissima competizione che porta alla mancata accettazione del fallimento.
Tornando all’organizzazione del progetto, la prof.ssa Callegaro propone l’ITD e il responsabile Augusto Chioccarello per una supervisione del progetto. La dottoressa Turuani esprime la necessità di venire a conoscenza di ciò che è già funzionale a livello informatico. A questo proposito ci si propone di contattare i tecnici informatici della scuola e i proff. Giorgio Donegani, Fabrizio Pasquali e Barbara Spitalieri. È necessario creare un ambiente chiuso ad accesso nominale, stabilire quali modalità adottare (sincrone/asincrone), organizzare una chat e un forum secondo diverse tipologie (tutti/tutti, uno/tutti, uno/uno). Bisogna inoltre stabilire quali temi proporre in questo ambiente, se in continuità con quelli trattati a scuola, scegliendoli tra quelli più ricorrenti, o se separare i due ambiti. La dottoressa si dichiara interessata ad osservare in parallelo degli esempi di didattica con la LIM.
Per quanto riguarda la stesura del progetto, la dottoressa sottolinea la necessità di aggiornare semplicemente la parte psicologica, magari rifacendosi ai documenti passati (articolo scritto con la prof.ssa Vitali), mentre andrebbe scritta ex novo la parte relativa alla sperimentazione on line, spiegando cos’è la wikischool, chi è il Minotauro, chi è Rinascita, perché si sono messi insieme, ecc.
La dottoressa comincerà a stendere il progetto con alcuni collaboratori e si confronterà con la commissione durante il prossimo incontro di mercoledì 15 maggio, dalle 16 alle 18.

Discuss

Scrivi un commento

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License